La Basilica di Santa Maria in Cosmedin è famosa per la celebre Bocca della Verità che si trova nel suo portico, il cui nome viene dalla tradizione medievale, secondo cui un indagato doveva dare prova della veridicità della sua testimonianza, mettendo la mano nella bocca del mascherone. In caso di falsa testimonianza la sua mano sarebbe stata tagliata di netto. 
La chiesa venne completamente restaurata a partire dal 1893 dall’architetto Giovanni Battista Giovenale, che demolì le superfetazioni del XVII e XVIII secolo per riportare l’edificio di culto al suo originario splendore. Grazie a questo invasivo intervento, Santa Maria in Cosmedin è uno dei rari esempi di chiesa romana medievale. Nel VI secolo un portico tardo antico che fiancheggiava l’antica Ara di Ercole nel Foro Boario, venne trasformato per ospitare una diaconia. 
Alla metà dell’VIII secolo, Papa Adriano I cambierà radicalmente la precedente diaconia, ampliando la sua superficie sui resti dell’altare dell’eroe greco, realizzando una cripta per ospitare le reliquie e donando la nuova chiesa così realizzata ai monaci orientali arrivati a Roma in seguito alla crisi iconoclasta della tirannia Isauride.
L’aspetto attuale è dovuto alle trasformazioni volute dal Camerlengo del Papa Callisto II, Alfano Camerario, tra il 1119 e il 1124.

Durata visita 1 ora e mezza

“Non limitarti a guardare una cosa e da un solo punto di vista”
Marco Aurelio

PRENOTA ORA 

CHIAMACI

+39.329.36.14.470

Informativa privacy

visite guidate roma

Roma

Open Hours

M-F: 8am – 6pm, S-S, 9am – 1pm

Email

info@guideroma360.it